Influenza bambini quanto dura la febbre
Condividi:

Stiamo assistendo al classico picco di influenza e purtroppo come sempre i più colpiti sono gli anziani e i bambini. Secondo la Società Italiana di Pediatria (SIP) i piccoli ne sono maggiormente colpiti perché trascorrono la maggioranza del tempo in ambienti chiusi (asili, scuole, case).
Nella maggioranza dei casi, nei bambini la febbre legata a questa infezione respiratoria passa rapidamente, ma bisogna sempre fare attenzione, specie nei piccoli che hanno una salute cagionevole o altri problemi.

Influenza bambini quanto dura la febbre

In caso di influenza, la febbre è uno dei primi sintomi ad apparire all’improvviso e che spesso – soprattutto nei neonati e nei bambini di meno di un anno – non si accompagna ad altri sintomi. Solitamente va dai 38.5 fino ai 40°C e porta mal di testa, brividi, inappetenza, affaticamento, dolori muscoli, mal di gola, tosse, naso che cola e – in caso di temperature elevate – anche convulsioni.
È una febbre che dura dai 2 ai 4 giorni al massimo, così come accade per gli altri sintomi. La fatica e la tosse, invece, possono durare anche fino a due settimane.
Tra le complicanze che possono insorgere nei bambini, troviamo la laringotracheobronchite (detta “croup”: un’infezione della gola e delle corde vocali), la polmonite e la bronchiolite. L’influenza può anche indebolire il sistema immunitario e provocare otiti e sinusiti. In casi estremamente rari, ma purtroppo possibili, l’influenza può arrivare fino al cuore e al cervello e causare la morte.

Influenza bambini: come curarla

L’influenza solitamente si risolve da sola se non ha complicazioni. I sintomi possono essere trattati con farmaci ad hoc. Soprattutto per la febbre è consigliabile l’uso del paracetamolo a partire dai 38.5°C di temperatura corporea per evitare che si alzi troppo. Non dare farmaci al tuo piccolo se ha meno di 3 mesi: consulta prima un pediatra. Non coprire tuo figlio con vestiti o coperte pesanti e tieni la temperatura in casa al massimo sui 20 gradi.
Allo stesso modo, se i sintomi dovessero prolungarsi nel tempo e/o dovessero insorgere complicazioni respiratorie, è importante consultare il medico. A questo punto, il pediatra potrebbe consigliare una terapia con un antivirale.
Per non diffondere poi ad altri bambini l’influenza è meglio che tu tenga il tuo piccolo in casa per qualche giorno. Fallo tornare all’asilo o a scuola soltanto dopo un giorno dalla scomparsa della febbre.

Quando chiamare il pediatra?

Il tuo pediatra di fiducia è sicuramente da contattare se il tuo bimbo ha meno di 3 mesi e presenta difficoltà respiratorie, non mangia o vomita e ha più di 38.5 di febbre. Fa’ bere il piccolo di modo che sia ben idratato e controlla che urini correntemente almeno ogni 6 ore.
Inoltre, contatta il pediatra se i sintomi dell’influenza non sono spariti dopo 5 giorni.

 

Hai qualche dubbio sui sintomi di tuoi figlio? Ricordati che su Docured.com puoi consultare 24 ore su 24, 7 giorni su 7, un Pediatra esperto.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *