mal di schiena lombare errori e cosa fare
Condividi:

Chi non ha mai sofferto di mal di schiena lombare alzi la mano!

In generale la schiena va dalle cervicali alla parte base del collo fino alla zona lombare, e più o meno qualsiasi punto fra questi due estremi può essere a rischio di dolori o risentimenti muscolari.
In questo senso il mal di schiena lombare è uno dei disturbi più diffuso.

Le cause possono essere molteplici e diversissime, dipendenti in generale dal nostro stile di vita (ormai, ahimé, sempre più sedentario) fino a particolari patologie. Nella quotidianità tali cause sono però essenzialmente riassumibili in due grandi categorie:

  • movimenti errati;
  • posture errate.

In caso di forte dolore o di una particolare tipologia di cura, è consigliato sempre affidarsi al medico di famiglia e magari a un infermiere a domicilio che, grazie alla sua esperienza, saprà come risolvere la situazione.

Ma adesso analizziamo più da vicino gli errori quotidiani.

Movimenti errati e mal di schiena

Quando parliamo di movimenti errati intendiamo movimenti che, per tipologia e qualità, portano la schiena (e con ciò intendiamo non solo la muscolatura, ma certamente anche la struttura scheletrica) a posizioni innaturali.

Un tipico esempio è il sollevamento di un peso posto a terra, sollevato con la schiena piegata a novanta gradi: il classico “colpo della strega” è dietro l’angolo. Questo è un classico modo in cui si viene a creare il mal di schiena lombare. Certamente la categoria “movimenti errati” ha una serie di concause da tenere in considerazione, come per esempio le condizioni climatiche, l’ora del giorno in cui il movimento viene fatto, il nostro stato di salute generale.
Per fare sempre l’esempio del sollevamento di un peso da terra, posto che questa azione dovrebbe sempre essere fatto in accosciata quasi completa (ovvero piegando le ginocchia e tenendo la schiena dritta, per quanto possibile), ovviamente farlo a torso nudo con vento freddo sulla schiena non è consigliabile. Attenzione quindi sempre a proteggersi la schiena (anche solo con la maglietta dentro i pantaloni) quando si fanno sforzi di questo tipo.

Un altro tipico esempio appartenente alla categoria “movimenti errati” è quando ci sporgiamo in avanti per recuperare il bimbo dalla culla o le borse della spesa dal bagagliaio: anche questi sono movimenti a forte rischio, perché fatti nella cosiddetta posizione “a sbalzo”, ovvero ci si allunga in avanti con tutta la muscolatura della schiena impegnata a reggere il busto (che si trova, per l’appunto, a sbalzo rispetto alle gambe): già il busto ha un suo peso naturale, sollevare un ulteriore peso potrebbe provocare fastidiosi risentimenti muscolari.

mal di schiena come sollevare pesi

Posture errate e mal di schiena lombare

Altra grande categoria di cause del mal di schiena sono certamente le posture errate, ormai così diffuse nella nostra quotidianità. Va subito specificato che le posture errate non porteranno (quasi) mai a problemi muscolari e/o articolari profondi (come per esempio ernie o strappi), ma provocheranno invece più facilmente contratture o infiammazioni localizzate.

Un tipico esempio è il classico dolore alle cervicali, esteso poi alla muscolatura del trapezio (zona alta della schiena, fra le scapole e la base del collo), diffuso in chi lavora molto al computer (magari, per l’appunto, in posizione errata), o a chi trascorre molte ore in auto. Altra postura molto diffusa e tendenzialmente scorretta è quella cosiddetta a “gibbone” ovvero con le spalle rilassate in avanti, leggermente ingobbiti: questo può provocare problemi articolari fino alla scoliosi.

Più che ai rimedi al mal di schiena lombare, si consiglia la prevenzione. Non fate attività fisica impegnativa se non vi siete prima scaldati o non vi siete affidati a qualcuno (un amico con un minimo di esperienza va benissimo), che vi sappia dare qualche consiglio. Se state tante ore al computer o in auto, cercate di trovare venti minuti al giorno (magari la sera, prima di andare a letto) per fare un po’ di sano stretching.

Questi sono solo consigli dettati dal buon senso, ma che possono davvero evitarvi fastidiosi dolori. Se invece la prevenzione non è servita a nulla e siete nel bel mezzo di una dolorosa crisi, si consiglia sempre di contattare il medico curante, e poi contattate il prima possibile un buon fisioterapista, massaggiatore o osteopata che vi rimetta in sesto.

Per altri dubbi in merito consulta uno dei nostri medici specialisti in chat.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *