mammografia tumore al seno prevenzione
Condividi:

Una buona notizia viene dal congresso della Società europea di oncologia (ESMO), che si conclude oggi a Madrid: se identificati in fase iniziale, il 90% dei tumori alla mammella guarisce. L’Italia, poi, ha addirittura una media più alta di sopravvivenza rispetto alla media europea: l’87% contro l’81.3% dell’Europa.
Un ruolo importante in tutto ciò lo svolge la prevenzione, grazie anche agli screening proposti alle donne dai 50 ai 69 anni. Eppure ancora oggi, nel meridione del nostro Paese, solo una donna su cinque fa una mammografia.
Grazie a questo esame, tra il 2012 e il 2013 sono stati individuati 13.000 carcinomi. Importante però è anche la prevenzione precoce (intorno ai 25 anni) per tutte quelle donne che sono a rischio perché portatrici dei geni BRCA1 o BRCA-2 o semplicemente perché hanno avuto casi di tumore in famiglia, anche se la maggior parte dei casi di cancro al seno in età giovane non è dovuta all’ereditarietà.

Molte sono poi le speranze future legate alla ricerca e alla personalizzazione delle terapie, come l’immuno-oncologia, valida già coi melanomi, cancro al polmone e rene.

Ricordati: la prevenzione è l’arma più efficace che tu abbia contro le malattie! Per qualsiasi dubbio, non esitare e contatta il tuo medico di famiglia o uno dei nostri specialisti su Docured.com.

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *