Condividi:

Caldo, piogge torrenziali, temperature che si abbassano all’improvviso e rialzano: spuntano i primi starnuti, i raschi in gola, la tosse e il raffreddore. Ci si può preparare in qualche modo per non ammalarsi subito appena tornati dalle vacanze? Certo che sì!

Innanzitutto, ti ricordiamo che il raffreddore è di origine virale e quindi molto contagioso. Per questo motivo è importantissimo lavarsi le mani bene (più di 30 secondi, senza dimenticare di pulirsi le unghie e i polsi) e regolarmente per spazzare via tutti i germi. Evita anche di toccarti naso e bocca: piuttosto utilizza sempre un fazzoletto di carta (quelli in tessuto diventano dei ricettacoli di germi), soprattutto quando tossisci e starnutisci.

Vediamo insieme altri consigli per prevenire i primi mali di stagione.

  1. Bevi molta acqua

    Sai già quanto sia importante una corretta idratazione per il tuo corpo. L’acqua però è molto utile perché aiuta ad eliminare gli elementi tossici e i batteri nocivi presenti nel nostro organismo. Il classico litro e mezzo da sempre consigliato sarà una manna per il tuo corpo. Se l’acqua da sola non ti fa impazzire, aiutati con infusi, tisane o tè. Il tè verde tra l’altro ha ottime proprietà immunostimolatrici.

    Tisane, infusi, tè e acqua per prevenire il raffreddore

  2. Sta’ all’aria aperta appena puoi

    Contrariamente a quanto si pensi, respirare aria fresca non fa male, anzi ti aiuta a sviluppare la resistenza al freddo a condizione che tu sia però vestito adeguatamente e che l’aria sia pura! Portati piuttosto un foulard quando esci, di modo da coprirti la bocca nel caso faccia più fresco di quanto pensassi.
    Se fumi, cerca di smettere o almeno di diminuire il numero di sigarette. Il naso infatti è un filtro antigermi e antibatteri e le sigarette lo danneggiano notevolmente.
    Arieggiare la casa e l’ufficio è altrettanto importante: fallo soprattutto al mattino per una decina di minuti.

  3. Rinforza il tuo sistema immunitario in poche mosse

    Settembre è il mese dei buoni propositi per alcuni: sappi che fare attività fisica rinforza il tuo organismo. Prendi quindi la buona abitudine di fare esercizi in palestra, camminare, nuotare…Scegli la tua attività fisica, ma senza esagerare: se ti stanchi troppo il tuo corpo non riuscirà a fronteggiare facilmente il cambio stagione. Quindi, attività fisica sì, ma con equilibrio.
    Anche l’alimentazione è importante: fa’ il pieno di vitamine e antiossidanti, mangiando frutta e verdura di stagione e facendoti spremute o centrifugati freschi. La vitamina C stimola la produzione di globuli bianchi e neutralizza i radicali liberi.
    Alcuni alimenti sono ricchi di zinco, che combatte le infezioni: via libera quindi a lenticchie e fagioli bianchi, per esempio. E non c’è niente di meglio di una zuppa quando abbiamo qualche brivido per scaldarci!
    Meglio inoltre diminuire il consumo di alcol e anche di latticini, che aumentano troppo la produzione di muco. Se non puoi proprio fare a meno dei prodotti a base di latte, prediligi yogurt e formaggi.
    Diminuisci poi lo zucchero perché le ricerche dimostrano che i macrofagi, che si occupano di eliminare i microbi, sono meno efficaci nello zucchero. Inoltre anche questo aumenterebbe la produzione di muco, dove proliferano virus e batteri.

  4. Riposati quando puoi per prevenire il raffreddore

    Andiamo verso una stagione con sempre meno luce, temperature che si abbasseranno: il tuo corpo avrà bisogno di molte forze ed è per quello che dovrai riposarti appena possibile. Cerca di dormire almeno 7/8 ore a notte e, quando ne hai modo, concediti un sonnellino pomeridiano. Il relax e il sonno aiutano il sistema immunitario a reagire agli attacchi di virus e batteri. Chi non riposa bene rischia 4 volte di più di sviluppare un raffreddore e soffre di sbalzi di umore: quindi cerca di limitare lo stress e affronta la notte nel modo giusto.

  5. Indossa gli abiti giusti

    È ora di mettere da parte gli abiti larghi che ora farebbero entrare troppa aria fresca. Comincia a riprendere indumenti più avvolgenti e un po’ più caldi, in modo graduale. Il classico consiglio del vestirsi a cipolla è assolutamente da seguire in questa stagione così variabile!

E se nonostante tutto il raffreddore arriva? Niente panico: di solito in capo a pochi giorni così com’è arrivato,  se ne andrà. Non è il caso di consultare il tuo medico a meno che il raffreddore non passi in 10 giorni o ti venga una febbre molto elevata e persistente. Soprattutto, evita l’automedicazione: non prendere mai antibiotici di testa tua! Rimani al caldo, riposati in casa e fa’ lavaggi nasali con soluzioni fisiologiche.

 

Vuoi approfondire l’argomento o hai un dubbio al riguardo? Puoi contattare un nostro medico esperto su Docured.com!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *