Condividi:

Per molti le vacanze lavorative stanno per terminare e il pensiero è abbastanza deprimente. Si può ripartire col piede giusto, però, e noi vi diamo qualche utile consiglio per un buon ritorno al lavoro senza stress da rientro!

  1. Un rientro al lavoro organizzato e “dolce”

    È fondamentale ricominciare con dolcezza, imparare a fare una lista di priorità di tutte le incombenze che abbiamo da sbrigare e soprattutto darci obiettivi realistici per riavviare il “motore” e non farsi sopraffare dal lavoro.
    Se lavorate in un ufficio, dividete le vostre e-mail in 3 gruppi: “Da fare in 24-48 ore”, “Da fare entro la settimana” e “Non urgenti”. Leggetele poi a pacchetti da 50 e fatelo appena arrivate al lavoro, quando avete maggior energia. Importantissimo: gestite una sola e-mail alla volta per concentrarvi meglio!

  2. Prendete aria e sole il più possibile

    State fuori appena potete finché il tempo lo permette: colazione all’aria aperta, passeggiate durante la pausa pranzo o all’uscita dal lavoro vi aiuteranno a prendere aria e a immagazzinare il sole che vi servirà per i mesi più bui.
    Sfruttate i weekend per camminate e picnic: vi faranno sentire ancora un po’ in vacanza.

  3. Lavorare in squadra

    Il primo giorno di rientro al lavoro capirete sicuramente l’aria che tira e, parlando con i colleghi, avrete modo di fare il punto della situazione su ciò che va fatto. Il lavoro di squadra aiuta molto a ripartire perché ci dà la consapevolezza di poter contare sui colleghi per alcuni progetti da portare avanti.

  4. Sane abitudini e tempo per se stessi

    Sport, dieta, cibo sano, uscite tra amici o culturali aiutano moltissimo l’umore, le relazioni e la salute. Quindi perché abbandonarli durante il resto dell’anno, dopo averne approfittato d’estate? Meglio trasformare queste attività in buone abitudini di svago! Quindi continuate ad andare al cinema, uscire con gli amici, prenotate dei massaggi: almeno una volta al mese pianificate qualcosa per voi e/o la vostra coppia. Il vostro rientro al lavoro sarà meno pesante.

  5. Buoni propositi sì, ma pochi e realistici

    Settembre – così come il primo gennaio – è il periodo dei buoni propositi. Continuate a farli, purché siano però realistici e non troppi, altrimenti non riuscirete a portarli a termine e sarà peggio per il vostro umore.
    Il rientro al lavoro è un buon momento per fare un consuntivo dell’anno precedente e capire cosa continuare a fare, cosa abbandonare e cosa cominciare.

  6. Non rimandate le cose da fare

    Procrastinare è un grosso problema per molte persone che poi si ritrovano a dover fare di fretta troppe cose. Cominciate invece a darvi da fare con la giusta energia senza affannarvi: vi darà il giusto ritmo nel lavoro. Rimandare, invece, aumenterà il vostro senso di frustrazione, collera e la mancanza di autostima.

  7. Pianificate la prossima vacanza

    Pensare alla prossima meta può dare l’energia necessaria per ricominciare bene al lavoro e non soffrire di nostalgia per la vacanza appena finita. Se economicamente non potete permettervelo, puntate come vi abbiamo già consigliato a passeggiate durante i fine settimana.

  8. Rientro al lavoro a metà settimana

    Sembra una stupidaggine, ma non lo è: tornare al lavoro di mercoledì vi permetterà di non avere cinque giorni di fatica davanti a voi e vi aiuterà a calarvi lentamente nelle cose da fare.

 

Vuoi approfondire l’argomento o hai un dubbio al riguardo? Puoi contattare un nostro medico esperto su Docured.com!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *