colpo di calore cause sintomi cosa fare
Condividi:

Il nostro corpo riesce ad adattarsi a molte condizioni, anche a un caldo esagerato come in questi giorni: già a partire da 21°C il nostro organismo mette in moto un meccanismo di scambio di calore. Quando però il caldo è molto prolungato, diventa piuttosto difficile da sopportare e rischiamo di incappare in un colpo di calore, che può avere conseguenze anche gravi.

Cos’è il colpo di calore

Si tratta di un malfunzionamento del meccanismo dell’organismo nel controllare la temperatura corporea. Accade dopo una lunga esposizione al calore o in caso di sforzi prolungati in un ambiente caldo o umido. Questo malessere provoca disidratazione e l’aumento della temperatura corporea della persona. Può accadere a chiunque, ma soprattutto sono soggetti:

  • gli sportivi;
  • le persone sovrappeso;
  • gli anziani;
  • i bambini;
  • le donne incinte.

Abbinato al caldo, anche l’esposizione al sole può essere pericolosa. Un’insolazione può anche portare alla febbre e molto rapidamente alla disidratazione, soprattutto nei bambini e negli anziani.

Cause e sintomi del colpo di calore

Alcuni fattori aumentano il rischio di un colpo di calore:

  • la disidratazione;
  • malattie cardiache;
  • sforzi intensi;
  • una cattiva sudorazione;
  • il consumo d’alcol;
  • l’assunzione di alcuni farmaci (betabloccanti, diuretici, antidepressivi, tra gli altri).

È molto importante capire quando è in corso un colpo di calore per poter intervenire immediatamente. I sintomi possono presentarsi in varie forme:

  • sete intensa;
  • vertigini;
  • sudorazione abbondante;
  • febbre fino a 41°C;
  • sonnolenza anomala;
  • pelle calda al tatto e secca;
  • crampi muscolari;
  • mal di testa;
  • nausea e vomito;
  • offuscamento della vista;
  • respiro affannato e rapido;
  • pressione alta o troppo bassa;
  • confusione mentale;
  • a volte convulsioni;
  • perdita di conoscenza e, in casi gravi, anche coma.

Non appena si presenta uno o più di questi sintomi, qualsiasi attività dev’essere sospesa: un colpo di calore infatti può portare alla morte le persone più vulnerabili.

Cosa fare in caso di colpo di calore

È fondamentale portare subito al fresco chi sta male, preferibilmente all’interno di una casa, spogliare la persona e coprirla di panni umidi. Fate bere regolarmente dell’acqua, meglio se con sali minerali. Anche se la temperatura comincia a scendere e la persona sta recuperando velocemente, è meglio chiamare un medico.
Se la persona è incosciente, stendetela in posizione laterale e chiamate immediatamente i soccorsi.

4 consigli per prevenire il colpo di calore

  • Creare in casa una zona fresca

    Quando il caldo è prolungato ed elevato, badate a creare una zona fresca in casa, dove poter trascorrere le ore più difficili. Se casa è però troppo calda, uscite e passare un paio di ore al cinema, in un museo o in un luogo pubblico con l’aria condizionata.
    Un buon isolamento termico della propria casa è fondamentale per affrontare al meglio il caldo. Tenete gli scuri delle finestre chiusi lì dove batte il sole e aperti quando sono in ombra: anche dei panni umidi davanti alle finestre contribuiscono a rinfrescare l’ambiente.

  • Tenere d’occhio il colore dell’urina

    Nel caso la vostra urina da giallo paglia divenisse giallo scuro, probabilmente è dovuto al fatto che sia troppo concentrata. È il segno di una possibile disidratazione in atto perché non state bevendo abbastanza o perché avete sudato troppo.

  • Bere regolarmente

    Non aspettate di avere sete per bere. Al peggio, se berrete troppo, l’eccesso di acqua verrà eliminato attraverso l’urina, se i vostri reni funzionano correttamente. L’ideale è bere almeno un litro e mezzo di acqua o spremute; evitate assolutamente alcol, bevande gassate, caffè e tè.

bere acqua contro la disidratazione e il colpo di calore

  • Buonsenso

    Come ormai viene detto da tempo, evitate di uscire o praticare attività fisica e sportiva nelle ore più calde della giornata. Vestitevi con abiti leggeri, chiari e ampi, preferendoli di cotone per assorbe il sudore e fa passare l’aria. Fate alcune docce fresche durante il giorno, privilegiate cibi freschi (anche zuppe come il gazpacho) e mettete un sacchetto di ghiaccio o una bottiglia ghiacciata davanti al ventilatore in funzione per rinfrescarvi.
    Anche le piante sono ottime alleate: assorbono il calore ed emanano umidità.

Il caldo purtroppo favorisce anche la ritenzione idrica: si gonfiano i polpacci, i piedi e a volte anche le mani. Se dovete per forza rimanere in piedi, meglio camminare per riattivare la circolazione. Se potete, invece, allungatevi, tenendo le gambe in altezza per favorire il ritorno venoso. Se siete al mare, camminate nell’acqua.
Il calore ha però anche effetti positivi: rilassa i muscoli e i tendini per cui le contratture dolgono meno e le articolazioni si muovono meglio.

Per combattere e prevenire i problemi legati al caldo, anche quest’anno il Ministero della Salute ha messo online un sito informativo con i bollettini delle ondate di calore per le città principali e linee guida da seguire.

 

Vuoi approfondire l’argomento o hai un dubbio al riguardo? Puoi contattare un nostro medico esperto su Docured.com!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *